Energy Way vince il Premio Innovatori Responsabili

Innovazione sostenibile per il futuro di tutti

Si è tenuta oggi, a Reggio Emilia, la cerimonia di premiazione della 4° edizione del Premio Innovatori Responsabili della Regione Emilia-Romagna. L’evento, svolto nella suggestiva location della Polveriera, simbolo di innovazione e di crescita, è stato contornato da una serie di interventi interessanti, tra questi quello dell’Assessore Palma Costi e del sindaco di Reggio Emilia, Luca Vecchi.

Il premio si pone l’obiettivo di promuovere e valorizzare il contributo che le imprese di ogni settore e dimensione, cooperative sociali, associazioni ed enti locali hanno messo in atto al fine di perseguire il raggiungimento degli obiettivi indicati dall’ONU, con l’Agenda 2030.

TheArtOfData: il primo classificato

Energy Way si aggiudica il primo premio presentando il progetto TheArtOfData.

TheArtOfData è un portale open source che permette di condividere e sperimentare progetti basati sul Coding e sull’analisi dei dati. Tra questi, è inserito #alloraSpengo, il percorso educativo ideato da Energy Way che insegna ai ragazzi delle scuole medie a crescere nell’uso consapevole dei dati e delle nuove tecnologie, trasmettendo i valori di sostenibilità all’interno della scuola e nel resto della comunità.

Tramite un approccio di condivisione aperta e cimentandosi nell’utilizzo del portale, TheArtOfData permettte a studenti, ragazzi o a chiunque fosse interessato alla tecnologia, di aquisire competenze tecniche e informatiche da reinvestire nello sviluppo di nuovi progetti creativi. TheArtOfData si inserisce quindi nel contesto dei Sustainable Development Goals (SDGs) poichè contribuisce a diffondere conoscenza, innovazione e valori di sostenibilità a vantaggio della comunità.

Verso un sentiero di sviluppo sostenibile

Ad oggi, sono 230 i progetti che sono stati presentati in occasione del Premio Innovatori Responsabili. Questo numero evidenzia una forte propensione del territorio nell’individuare soluzioni innovative che rispondano ai 17 obiettivi dell’Agenda 2030.

Come evidenziato nell’intervento di Gian Luigi Bovini di Asvis, nel complesso l’Italia non si posiziona su un sentiero di sviluppo sostenibile rispetto ad altri paesi dell’Unione Europea. Ciò nonostante, la passione e l’impegno dimostrato dal territorio dell’Emilia Romagna in occasione del Premio, rappresenta un motivo di stimolo alla creazione di nuovi progetti orientati alla sostenibilità.

Guarda il video del progetto TheArtOfData!

 

Gallery